Protezione contro l’incendio: e il fattore umano?

Protezione contro l’incendio: e il fattore umano? Procedure, esercitazioni, piani per la gestione delle emergenze predisposti a puntino servono a nulla se non si muta l’approccio mentale di tutti in azienda. Soprattutto a contatto con il fuoco

Periodicamente l’attenzione dell’opinione pubblica sulla gestione delle emergenze viene risvegliata da qualche incendio spettacolare. C’è stata la tragedia della Greenfell Tower a Londra: il 14 giugno 2017 si sviluppò un incendio in una torre residenziale di 24 piani, portando alla morte di 72 persone, tra le quali due giovani italiani, e al ricovero in ospedale di altre 74. Il 15 aprile 2019 è bruciato il tetto in legno della cattedrale di Notre Dame a Parigi, uno dei più famosi gioielli dell’architettura gotica francese, mutilando irreparabilmente un edificio carico di 852 anni di storia. Il 9 agosto di quest’anno a Faenza, in provincia di Ravenna, è andato a fuoco un capannone di un’azienda di logistica, contenente svariate merci dei propri clienti, tra cui gomma, plastica e olio alimentare, precipitando nel panico il circondario a causa di possibili esalazioni di diossine e furani. I vigili del fuoco hanno impiegato circa trenta ore per spegnere l’incendio e le prime stime parlano che, per far fonte ai primi indispensabili interventi di bonifica, sarà necessario mettere sul campo in breve tempo 2 milioni di euro (dei 15-20 stimati complessivi) in attesa che vengano definite le responsabilità civili e penali.

Protezione contro l’incendio: e il fattore umano?

Autore: Antonio Pedna

Dopo avere lavorato oltre vent’anni per grandi imprese italiane nel mondo delle infrastrutture, in Italia e all’estero, ho deciso di intraprendere la libera e professione. Il mio lavoro è aiutare le imprese che vogliono migliorare le loro prestazioni di qualità, salute e sicurezza, ambiente e sostenibilità. Sono un consulente per le organizzazioni, specialmente quelle che costruiscono e gestiscono infrastrutture in giro per il mondo. Analizzo i progetti ed eseguo audit per aiutarle a migliorare i loro processi e scegliere i propri appaltatori. Offro servizi di mentoring, per condividere la mia esperienza con i giovani HSE manager e le loro aziende e faccio formazione a tutti i livelli: lavoratori, supervisori, manager. Scrivo su riviste, siti web e ho un podcast dove parlo delle novità del settore e spiego le tecniche consolidate per la gestione HSE. Sono laureato in architettura e ingegneria edile, iscritto all’Ordine degli Architetti della provincia di Milano, Technical Member IOSH (Institution of Occupational Safety and Health), Associate Member IEMA (Institute of Environmental Management and Assessment), Associate ICW (Institute for Collaborative Working) e socio AIAS, l'Associazione Italiana Ambiente e Sicurezza. Ho conseguito un NEBOSH IGC e un FIDIC Module 1, sono lead auditor/auditor certificato per sistemi di gestione qualità, sicurezza e ambiente e ho lavorato come responsabile del servizio prevenzione e protezione (RSPP) per diverse grandi imprese nel settore delle costruzioni. Come coordinatore in fase di progettazione e di esecuzione (CSP/CSE) ho seguito lavori infrastrutturali per circa 10 miliardi di euro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: