Imprese edili in Italia: perché aggregarsi per cambiare

Imprese edili in Italia: perché aggregarsi per cambiare Superare le falle della gestione della sicurezza in Italia facendo squadra, abbracciando la tecnologia in cantiere (ma davvero) e guardare alle esperienze positive all’estero

Il mondo delle costruzioni in Italia è penalizzato da una serie di gravi limiti, che influenzano gran parte delle prestazioni di chi ci lavora: dalla redditività alla sicurezza dei lavoratori. Il limite principale credo sia nella dimensione degli operatori. Solo per restare in ambito europeo, i nostri costruttori sono dei pigmei rispetto ai loro omologhi italiani: la nostra più grande impresa è all’undicesimo posto in Europa, con un giro d’affari dell’85% inferiore alla prima. Le altre sono al 27mo e al 50mo (dati 2017, Guamari srl). L’impresa di costruzioni italiana media ha 2,6 addetti (fonte ANCE). Lo stesso per le società di ingegneria: nella classifica globale di ENR Engineering News-Record, la prima italiana è attorno al 30mo posto. Poi ottantesimi e centoquarantesimi. Meglio di noi aziende USA, Canadesi, Emiratine, Australiane, Spagnole, Olandesi, Inglesi, Svedesi, Danesi, Cinesi eccetera eccetera. L’Italia, si badi bene, è l’undicesima nazione al mondo per prodotto interno lordo, e supera diversi dei paesi che esprimono queste società, ma le nostre principali aziende hanno nei progetti al di fuori dell’Italia spesso il loro mercato principale. Gli ordini professionali hanno come riferimento principale il piccolo studio professionale, con uno o due addetti. La stessa politica fiscale degli ultimi anni, con il regime dei minimi, pur salvando dalla fame tanti operatori ha pesantemente disincentivato le aggregazioni tra professionisti, condannandoli alla irrilevanza.

Imprese edili in Italia: perché aggregarsi per cambiare

Autore: Antonio Pedna

Dopo avere lavorato oltre vent’anni per grandi imprese italiane nel mondo delle infrastrutture, in Italia e all’estero, ho deciso di intraprendere la libera e professione. Il mio lavoro è aiutare le imprese che vogliono migliorare le loro prestazioni di qualità, salute e sicurezza, ambiente e sostenibilità. Sono un consulente per le organizzazioni, specialmente quelle che costruiscono e gestiscono infrastrutture in giro per il mondo. Analizzo i progetti ed eseguo audit per aiutarle a migliorare i loro processi e scegliere i propri appaltatori. Offro servizi di mentoring, per condividere la mia esperienza con i giovani HSE manager e le loro aziende e faccio formazione a tutti i livelli: lavoratori, supervisori, manager. Scrivo su riviste, siti web e ho un podcast dove parlo delle novità del settore e spiego le tecniche consolidate per la gestione HSE. Sono laureato in architettura e ingegneria edile, iscritto all’Ordine degli Architetti della provincia di Milano, Technical Member IOSH (Institution of Occupational Safety and Health), Associate Member IEMA (Institute of Environmental Management and Assessment), Associate ICW (Institute for Collaborative Working) e socio AIAS, l'Associazione Italiana Ambiente e Sicurezza. Ho conseguito un NEBOSH IGC e un FIDIC Module 1, sono lead auditor/auditor certificato per sistemi di gestione qualità, sicurezza e ambiente e ho lavorato come responsabile del servizio prevenzione e protezione (RSPP) per diverse grandi imprese nel settore delle costruzioni. Come coordinatore in fase di progettazione e di esecuzione (CSP/CSE) ho seguito lavori infrastrutturali per circa 10 miliardi di euro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: